18698465_1112828548822566_1709153249291829412_n

Foto “Randonnée CicloTour Mugello” 2017

Ecco la galleria con le foto scattate durante la “Randonnée CicloTour Mugello” del 20 Maggio 2017!
Cliccate sulle immagini per ingrandire e scorrere.

Gli scatti sono di Claudio Casati e Roberto Elefante.

« 1 di 2 »
ciclisti-mugellani2

I “randagi” della prima Randonnée CicloTourMugello, un’edizione storica

Ciclisti mugellani sulla Raticosa
Ciclisti mugellani sulla Raticosa

La Randonnée CicloTour Mugello “La Via del Latte Mukki” svolta il 20 maggio 2017 è un’edizione storica.
E’ la prima randonnée ciclistica che si è svolta nel Mugello. 220 km, 9 passi appenninici e oltre 4000 metri di dislivello, una prova estrema, per ottenere il brevetto dell’Associazione Randonneurs d’Italia (ARI). I 35 eroici che hanno concluso questa prima edizione – dei circa 100 ciclisti partiti la mattina – sono un bel gruppo e resteranno quindi nella storia della manifestazione. L’esperienza del 2017, col percorso che ricalca quello del Brevetto permanente Mugello in Bike attivo dal 2013, è stata quindi un successo.

Randonneurs da Roma
Randonneurs da Roma

Apprezzata e da ripetere anche la collaborazione con gli esercizi commerciali lungo il percorso, in particolare il Caffé Teatro di Marradi e il Caffé Il Portico di Dicomano.
La Randonnée 2017 ha dimostrato che è un’esperienza da ripetere. Quindi il CicloTour Mugello si pone l’obiettivo per il 2018 di crescere nei numeri dei partecipanti e nelle loro provenienze (già oggi da Roma, Bolzano, dalla Romagna, ecc.) e per questo si dovrà lavorare ancora, non solo sulla promozione, ma su una sempre maggiore qualità e sui servizi di accoglienza. Il Mugello è un territorio così bello che lo merita.

A.C. Fosco Bessi di Calenzano
A.C. Fosco Bessi di Calenzano

Anche la AC Fosco Bessi di Calenzano entra nella storia. Non solo perché è la società ad aggiudicarsi la 1° Randonnée CicloTour Mugello “La Via del Latte Mukki”, ma anche perché, con 17 iscritti, cambia le regole di questa disciplina, da sempre esperienza individuale per eccellenza. Invece, il club di Calenzano, magistralmente diretto in ammiraglia dal DS Vannoni, porta all’arrivo 9 portacolori del club che hanno pedalato quasi tutto il tempo insieme. L’AC Fosco Bessi non è un team mugellano ma al Mugello è molto legata. Non solo perché Vannoni aveva portato in ammiraglia, oltre a borracce e materiali tecnici, anche alcune solide porzioni di tortelli mugellani, in caso di crisi di fame improvvise quanto improbabili (visti i ristori sul percorso) dei suoi ragazzi. In realtà il legame è di livello ben più alto. Infatti, l’AC Fosco Bessi è nata 60 anni fa per volontà, nientemeno, che di don Lorenzo Milani, parroco di Barbiana di Vicchio ma al tempo cappellano a San Donato di Calenzano, che riteneva che questa disciplina fosse importante per l’emancipazione del popolo.

Comunque in questa prima edizione ben figurano anche alcune società mugellane, in particolare l’ASD Mugellotoscanabike di Borgo San Lorenzo, società giovane ma molto attiva e numerosa, che porta al traguardo dei 220 km ben 6 ciclisti (e altri 10 sui percorsi più corti) e i Ferri Taglienti, storica società di Scarperia che festeggia quest’anno i 20 anni di vita, con 10 partenti e 4 randonneurs brevettati. Significativa infine anche la partecipazione dell’UCS San Piero a Sieve con 11 partenti e 1 brevettato.

Elena Antonellini dalla Romagna insieme al fratello Andrea.
Elena Antonellini dalla Romagna insieme al fratello Andrea.

Ma una menzione speciale la meritano soprattutto Marina Dionisi di Roma ed Elena Antonellini, romagnola, le due donne d’acciaio che con grande determinazione e un bel sorriso sono riuscite a portare a termine la durissima cavalcata sull’appennino.
Grazie davvero.


Mario Innocenti